international analysis and commentary

La paura di Mosca

169

Non sono ancora chiare tutte le dinamiche dell’attentato all’aeroporto di Mosca, ma sembra probabile che l’attacco suicida sia stato effettuato da uno o più terroristi del Daghestan.

Se questa ricostruzione fosse confermata, si tratterebbe del secondo attentato con questa firma in un anno, dopo quello alla metropolitana di Mosca nel luglio 2010.

È ben oltre un decennio che la Russia combatte una sua guerra violenta contro il separatismo delle repubbliche nord-caucasiche.

Nel caso della Cecenia, la strategia di Putin si è fondata su un contrasto di estrema violenza, seguito dal tentativo, alla fine del 2000, di separare la resistenza cecena in due tronconi: il movimento nazionalista, che è stato portato dalla parte di Mosca attraverso la nomina a presidente ceceno di Ramzan Kadyrov e affidando la sicurezza alle milizie locali, invece che all’esercito russo; e il movimento islamico, che si è in gran parte spostato verso il Daghestan – come conseguenza del cambio di strategia russa.

La tesi ufficiale di Mosca, che ha il problema aggiuntivo di riuscire a gestire le Olimpiadi del 2014 a Soci, era che Putin avesse vinto la sua guerra nel Caucaso del Nord. Questa illusione è stata spazzata via dagli attentati alle infrastrutture di Mosca. La cosiddetta “stabilità”, nel Caucaso del Nord, si è dimostrata un mito.

Andrà visto come tutto ciò influirà sugli equilibri interni, in vista delle elezioni del 2012. La prima reazione, ieri, è venuta da Dmitry Medvedev, che potrebbe implicitamente addossare a Vladimir Putin gli insuccessi della lunga guerra sporca.