international analysis and commentary

Come Clinton o come Truman?

134

Dopo le elezioni di midterm, la politica americana si baserà su un “governo diviso”. È una formula (la presidenza a un partito, la Camera all’opposizione) che l’elettorato ha spesso dimostrato di preferire. Prendiamo due precedenti di pesanti sconfitte per il presidente in carica al midterm: Truman nel 1946, Clinton nel 1994. Entrambi furono poi rieletti. I precedenti suggeriscono, insomma, che una presidenza priva di maggioranza alla Camera può risultare più convincente. Esiste un caveat: vista la polarizzazione senza precedenti della politica americana, può darsi che la storia non si ripeta.

Con la batosta del midterm, si è di fatto aperta la campagna presidenziale del 2012. Obama deve decidere subito quale atteggiamento verso l’opposizione gli permetterà di recuperare consenso. Qui i precedenti dicono cose opposte: Truman si spostò più a sinistra, Clinton guardò al centro. Obama vorrebbe guardare al centro, probabilmente: nella campagna presidenziale, aveva promesso di unire il paese non di dividerlo. Nel suo primo discorso post-elettorale, Obama ha fatto un’apertura bipartisan. I repubblicani sembrano incerti su come reagire, anche perché saranno pungolati dalla destra del “Tea Party”. Malgré soi, Obama potrebbe essere un nuovo Truman.

 

Leggi tutti gli articoli di Aspenia online sulle elezioni di midterm